Bevi responsabilmente

Area di produzione

Area di produzione e dati di vendita

Il Prosecco viene prodotto nelle province del Veneto, esclusa Rovigo e Verona (circa 80% del totale), e in tutte le province del Friuli-Venezia Giulia (circa 20% del totale). All’interno di questo territorio ci sono anche due DOCG per la produzione del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene e del Colli Asolani-Prosecco. Il Prosecco ha conosciuto un vero e proprio boom a partire dagli anni ’90 del XX secolo, con un’impennata nella seconda metà degli anni 2000. Nel 2013 le vendite nel mondo hanno superato per la prima volta quelle dello champagne.

area-di-produzione-prosecco

Tipologie e caratteristiche

Si distinguono essenzialmente tre tipologie di Prosecco:

  • il Prosecco propriamente detto (tranquillo), con un titolo alcolometrico volumico naturale minimo di 10,50% vol.
  • il Prosecco spumante, con un minimo di 11,00% vol.
  • il Prosecco frizzante, con un minimo di 9% vol.

In tutti i casi si tratta di un vino dal colore giallo paglierino, dall’odore fine e dal sapore fresco. La variante spumante può risultare da extra-dry a dry, mentre le altre sono secche. Tali vini hanno un sapore secco, frizzante e fruttato, con eventuali sentori di crosta di pane e lievito.

Vitigni e coltivazione

Il vitigno base per la produzione di Prosecco è il glera, le cui uve devono costituire almeno l’85% del totale. Una piccola frazione, comunque non superiore al 15% del totale, può essere costituita da verdiso, bianchetta trevigiana, perera, glera lunga, chardonnay, pinot bianco, pinot grigio e pinot nero vinificato in bianco. I terreni adatti alla coltura dei vigneti sono quelli ben esposti e drenati.

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. OK Maggiori informazioni